LENTI A CONTATTO

Esiste una vasta gamma di lenti a contatto in base alla tipologia del difetto refrattivo da correggere o in base alla problematica oculare.

  • Il nostro centro optometrico offre soluzioni personalizzate e specifiche per ogni soggetto e situazione.

Dopo un’attenta valutazione del caso,i nostri professionisti consigliano la lente a contatto più idonea per ogni occhio. Le lenti che proponiamo, vengono progettate e simulate tramite software. Il progetto viene poi inoltrato al laboratorio che, tramite innovativi torni a controllo computerizzato, riesce a produrre le lenti con precisione micrometrica. I materiali scelti hanno le migliori caratteristiche chimico-fisiche di bagnabilità e confortevolezza, per assicurare un altissimo livello di ossigenazione per l’occhio.

  • Lenti a contatto per cheratocono e irregolarità corneali

Il cheratocono è una malattia distrofica progressiva non infiammatoria della cornea, che comporta un assottigliamento localizzato del tessuto corneale con conseguente deformazione della sua forma. Il cheratocono crea degli errori ottici difficilmente correggibili con gli occhiali, ma fortunatamente ben compensati con l’utilizzo di lenti a contatto rigide gas permeabili e da qualche tempo anche con speciali lenti a contatto morbide. Presso i nostri studi troverai specialisti che ti potranno illustrare tutti i migliori metodi per la correzione del cheratocono, scegliendo il tipo di lente più adatto ai tuoi occhi. Tutti coloro che si affidano al nostro centro, sono seguiti in stretta collaborazione con i migliori oftalmologi per garantire una perfetta salute oculare.

  • Lenti a contatto sclerali

Le lenti sclerali possono rappresentare un’ottima soluzione su tutte le cornee irregolari, indipendentemente dalla causa dell’irregolarità (Cheratocono, Pellucida, Distrofie, Post Trapianto, Post Chirurgia). Si adattano a cornee che hanno subito traumi, che presentano distrofie o esiti di chirurgia del segmento anteriore dell’occhio. I punti di forza delle sclerali sono: l’eccellente centraggio dovuto al grande diametro e il sollevamento totale dalla cornea che garantisce l’assenza di contatto centrale corneale. Questi punti di forza consentono di applicare con grande soddisfazione le lenti sclerali soprattutto per il trattamento del cheratocono.

  • Lenti a contatto ibride

Le lenti ibride sono lenti particolari formate da una lente semirigida al centro e da una lente morbida in periferia. Garantiscono un elevato confort al portatore offrendo anche un eccellente visione. Sono lenti ideali nei casi di cheratocono, irregolarita’ corneali dovuti a cheratoplastica, traumi corneali.

  • Lenti a contatto ad alta definizione

Le lenti a contatto ad alta definizione sono costruite su misura con la tecnica della topografia computerizzata e il calcolo di parametri (curve, diametro, potere, materiale, lavorazioni extra) attraverso software. Hanno un design ottico che offre una visione nitida e chiara soprattutto di notte e in condizioni di bassa illuminazione. Sono disegnate per aiutare a ridurre le aberrazioni che costituiscono un ostacolo alla visione in condizione di luce scarsa e che fanno vedere gli oggetti offuscati e poco distinti. Appositamente progettate per ridurre gli aloni e i riflessi. Attraverso la costruzione “custom”, è possibile raggiungere la massima qualita’ visiva e ottenere il massimo comfort.

  • Lenti a contatto per il controllo della progressione miopica

La percentuale di persone che sviluppa miopia sta aumentando in modo allarmante ogni anno, e nella maggior parte dei casi, il difetto si manifesta nei bambini e nei giovani. Ricerche attuali dimostrano che vi sono diverse soluzioni che possono rallentare o prevenire la progressione miopica e il momento migliore per cominciare ad agire è quando il bambino è ancora piccolo.

Per contrastare l’avanzamento della miopia, il nostro centro propone diverse soluzioni quali l’Ortocheratologia notturna, l’applicazione di lenti RGP ad uso diurno a geometria inversa, l’utlilizzo di lenti a contatto morbide multifocali (a potere variabile dal centro alla periferia). Lo scopo di combattere e arrestare la progressione miopica necessita di un eccellente lavoro d’equipe tra l’Optometrista-Contattologo, l’Oftalmologo, i genitori e il bambino; attraverso il lavoro dei nostri professionisti specializzati e competenti, si possono ottenere risultati utili e soddisfacenti.

  • Lenti a contatto multifocali per presbiopia

Tutte le persone che hanno superato la soglia dei 40/45 anni d’età necessitano di una correzione da vicino diversa da quella da lontano. Oggi esistono lenti a contatto specifiche per questa esigenza. Le aziende ricercatrici e produttrici nazionali ed internazionali stanno investendo molto su questo tipo di lenti a contatto, creando geometrie sempre più precise e confortevoli che permettono una visione nitida a tutte le distanze. I risultati finora ottenuti dai nostri professionisti hanno riscontrato un alto livello di successo. Possiamo applicare lenti ibride multifocali.

  • Lenti a contatto cosmetiche e protesiche

E’ possibile progettare e costruire lenti cosmetiche-protesiche che riproducono le strutture iridee e pupillari. Utilizzate a scopo funzionale ed estetico o in tutti quei casi in cui vi sono alterazioni del segmento anteriore (patologie congenite, acquisite, eventi traumatici).

  • Lenti a contatto morbide ad uso prolungato o continuo

Il rivoluzionario materiale in Silicone Idrogel (SiHi) , con cui son prodotte le lenti di nuova generazione, permette  un flusso di ossigeno superiore rispetto alle normali lenti idrogel. Cio’ consente di mantenere gli occhi sempre in salute.  Nuove tecnologie di costruzione rendono le superfici delle lenti molto liscie, levigate e bagnabili, dando  la sensazione di non portare lenti a contatto. L’uso di queste  lenti a contatto permette ai soggetti con scarsa lacrimazione di risolvere i fastidiosi disturbi causati dalla secchezza oculare e offre la possibilità di utilizzarle per per molte ore.

  • Lenti a contatto post-chirurgia refrattiva

Il nostro centro garantisce un trattamento personalizzato post-chirurgia refrattiva, per contribuire ad avere una visione eccellente e sicura dopo qualsiasi tipo di intervento (lasik, prk, cheratotomia radiale, trapianto di cornea ecc..). La consapevolezza della particolare attenzione che meritano questi tipi di occhi e’ supportata dalla scrupolosa formazione, dal continuo aggiornamento e dalla collaborazione con i migliori oftalmologi e tecnici. L’applicazione di questo tipo di lenti deve prevedere assolutamente un’attenta visita preliminare al fine di evidenziare possibili complicanze oltre ad una rilevazione dei dati corneali tramite topografia corneale computerizzata.

  • Lenti a contatto in età peditrica e adolescenziale

L’idea, ormai superata, che le lenti a contatto non siano adatte ai bambini, nasce dal fatto che le prime lenti a contatto erano rigide, molto piccole e richiedevano un lungo periodo d’adattamento. Con l’avvento delle lenti a contatto morbide e lo sviluppo di nuove geometrie o materiali sempre più innovativi (biocompatibili, siliconici e permeabili all’ossigeno) si sono ampliate notevolmente le possibilità di utilizzo delle lenti a contatto nella prima e nella seconda infanzia. Le lenti a contatto sono un accessorio che ha a che fare con la salute e come tale non puo’ e non deve essere utilizzato con superficialità.

Per i bambini (0-6 anni) sarà naturalmente sempre necessaria la collaborazione dei genitori sia nelle fasi di applicazione e rimozione delle lenti, che per le quotidiane operazioni di manutenzione/disinfezione. Dopo i 7 anni d’età, l’occhio del bambino ha ormai assunto una struttura alquanto stabile ed i parametri contattologici sono quindi equivalenti a quelli dell’adulto. Dai 7 anni in poi si ritiene che il bambino sia autonomo nell’applicazione, nella rimozione e nella pulizia delle lenti a contatto. Per un bambino che gioca, da solo o con altri bimbi, l’utilizzo di lenti a contatto diventa la soluzione migliore per sicurezza e praticità.

Un adolescente va a scuola, pratica sport, si confronta continuamente con i coetanei; le lenti a contatto gli permettono di muoversi in piena liberta’, di vederci meglio, facendolo sentire a proprio agio ed aumentandone notevolmente l’ autostima. Se tra l’Optometrista applicatore, il giovane portatore ed i genitori avviene una comunicazione efficace, l’uso delle lenti a contatto diviene un’ottima opportunità ed un’esperienza molto positiva che porterà risultati altamente apprezzabili sia nella qualità della visione, sia nel rafforzamento di quella identità che l’adolescente stà faticosamente costruendo.